Coronavirus e lavoro

La pandemia del Coronavirus sta provocando morti ovunque, e danni materiali ed economici ovunque. Di questa pandemia ne beneficia solo l’ambiente. Aria più pulita, mari meno trafficati ed inquinati, la natura che si riprende quegli spazi che l’uomo gli ha tolto.

Ma cosa succede ai lavoratori che vedono le loro attività chiuse in quanto a contatto diretto con le persone? Tutti vanno in Cassa integrazione.

Per carità, il Decreto ha vietato i licenziamenti durante la crisi Anche se gli stipendi sono più bassi in CIG ci si organizza disdicendo qualche abbonamento di cui si può far a meno, si spendono meno soldi per cose inutili. Ma dopo?

Le aziende che hanno visto crollare i loro profitti se, e dico se, riusciranno a riaprire, dovranno per forza di cosa decidere di abbassare i costi per spostare tali risparmi sugli investimenti. E dove un’azienda decide di risparmiare? Sulle auto aziendali? Sui mega stipendi dei dirigenti? Sui dividendi? Sui bonus ai grandi manovratori?

Sui LAVORATORI, come sempre verranno ridotti gli orari di lavoro attraverso lo strumento della solidarietà, oppure licenziato personale attraverso l’accorpamento degli uffici per esempio.

L’Italia è un paese molto ricco, ma la maggior parte dei redditi e delle ricchezze sono nascosti. Lavoro a nero, evasione, truffe. E come sempre pagheranno i più deboli ed i più onesti.

La politica italiana non è preparata, gli attuali leader delle varie fazioni sono ignoranti ed incompetenti. Hanno un solo obiettivo quello di portare voti per rubare meglio.

Abbiamo partiti che rubano 49 milioni agli italiani che diventano i partiti con maggioranza relativa. Altri partiti che bombardano di fake news gli italiani che sono oggi al governo. Partiti di estrazione fascista che la nostra Costituzione espressamente vieta che fanno quel che vogliono in giro per la nazione.

Con queste premesse non vedo positività nel nostro futuro ma solo tanta incertezza e tanta paura.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *